Venerdì, 20 Luglio 2018 Scritto da
Pubblicato in News dal Forum

SALDI ESTIVI: 50% DI INVESTIMENTI IN MENO PER I GIOVANI.

È quel periodo dell'anno: il sole splende su Bruxelles, le vacanze sono all'orizzonte e le vendite estive sono iniziate. Questa volta, c'è anche un incredibile sconto del 50% per i giovani! Ma non si tratta di una notizia positiva perché questo non è uno sconto a beneficio dei giovani.

In realtà, questa riduzione avrà un impatto diretto sull'accesso dei giovani all'istruzione, all'inclusione sociale e all'occupazione.

La Commissione europea ha recentemente pubblicato la sua proposta per il Fondo Sociale Europeo Plus (FSE +) che copre gli investimenti nei settori chiave per i giovani.
La proposta prevede l'obbligo per tutti gli Stati membri dell'UE con un tasso medio alto di NEET (coloro che non sono occupati o impegnati in percorsi di istruzione o formazione), di destinare risorse per combattere la disoccupazione giovanile, anche mediante l'attuazione della Youth Guarantee. Questo è un buon primo passo, ma di sicuro non è abbastanza.

Chiaramente, l'Unione europea è ben consapevole di quanto la disoccupazione giovanile sia ancora un problema in Europa e debba essere affrontata nel prossimo bilancio (2021-2027). Nell'attuale bilancio UE, l'Iniziativa per l'occupazione giovanile e il Fondo Sociale Europeo forniscono 8,8 miliardi di euro a 20 Stati membri in cui la disoccupazione giovanile è particolarmente elevata. Se le cose non cambieranno entro i prossimi due anni, saranno investiti meno fondi per sostenere i giovani ad entrare nel mercato del lavoro, e per molto meno si intende quasi la metà di ciò che viene investito ora. Secondo l’analisi svolta dallo European Youth Forum, solo 9 Stati membri avranno l'obbligo di investire nei giovani, per un totale di 4,3 miliardi di euro. (trovi l' analisi approfondita qui).
Il Forum Europeo si impegnerà a chiedere all'UE di aumentare gli investimenti a favore dell'occupazione giovanile ad almeno 23 miliardi di euro.