Martedì, 09 Maggio 2017 Scritto da
Pubblicato in News dal Forum

FESTA DELL'EUROPA: "UN'OCCASIONE PER RISCOPRIRE LA PROPRIA IDENTITÀ"

“Il 9 maggio 1950, nel tardo pomeriggio, l’allora Ministro degli Esteri francese Robert Schuman convocò la stampa al Quai d'Orsay, a Parigi, per rilasciare una comunicazione ritenuta fondamentale per il futuro dell’Europa e del mondo, ancora scosso dai contraccolpi della Guerra.

La proposta avanzata era quella di creare un'Europa organizzata, indispensabile al mantenimento di relazioni pacifiche fra gli Stati che la componevano. <<L'Europa non potrà farsi in una sola volta, né sarà costruita tutta insieme; essa sorgerà da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto>>, disse Shuman che propose la creazione di una Comunità europea del carbone e dell'acciaio, a cui aderirono Francia, Germania occidentale, Italia, Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo, la prima istituzione europea sovranazionale. Oggi, dunque, in ricordo di questo primo importante passo nel processo di costruzione dell’Unione Europea, si celebra la festa dell’Europa.  È un momento nel quale fermarsi davvero a riflettere sulle ragioni attuali dello stare insieme e su quali siano gli obiettivi comuni da perseguire", è quanto dichiara Federica Celestini Campanari, Consigliere Direttivo del FNG.

"L’Europa non è solo un’espressione geografica né semplicemente una moneta unica ma, come ci ricorda il motto dell’UE stessa, un’unione di culture, tradizioni, lingue differenti, popoli accomunati dalle stesse radici e da una storia che si intreccia nei millenni. Orgogliosi di essere europei, dunque, auguriamo all’Europa di saper riscoprire la propria identità, promuovere i propri valori e perseguire gli alti intenti per i quali i Padri Fondatori si impegnarono ad intraprendere questo eccezionale percorso, al quale i giovani di tutte le generazioni hanno contribuito in maniera decisiva, impegnandosi nelle piazze, nelle scuole, nelle università, nei parlamenti nazionali e nelle sedi europee per far sentire sempre la propria voce.” conclude il  Consigliere.